Alta fedeltà: errori comuni

General audio discussion
Rispondi
Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2828
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Alta fedeltà: errori comuni

Messaggio: # 16143Messaggio M.Ambrosini
ven 3 dic 2021, 15:05

Massimo

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2828
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Alta fedeltà: errori comuni

Messaggio: # 16150Messaggio M.Ambrosini
dom 5 dic 2021, 8:30

Un articolo che ho scritto con ben pochi peli sulla lingua e che risulterà sicuramente sgradito a molte persone con indirizzo hi-end...ma che potrebbe risultare molto utile a chi riesce ad approcciarsi con una mente sufficientemente libera.
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 832
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Alta fedeltà: errori comuni

Messaggio: # 17365Messaggio emulatore
ven 1 apr 2022, 11:57

...e a proposito di Altà Fedeltà e degli errori comuni, guarda in cosa mi sono imbattuto in rete.
Meno male che qualcuno senza peli "nelle orecchie" esiste ancora.

Riporto lo stralcio di una discussione di un forum:

"Sto ascoltando, da ieri pomeriggio. Primo resoconto che mi riservo di approfondire. Il metro di giudizio ovviamente sono le mie orecchie e la mia testa. Tutto molto soggettivo.

La sorgente è un "contemporaneo" Xindak 1.0 Muse Deluxe con valvola ECC88 (attualmente monta una Siemens NOS). Salotto di m. 5,20 x 3,65 - arredato con librerie Expedit Ikea, tappeto a pelo lungo, divano, poltrone, cuscini. Diffusori sul lato lungo.
Prime impressioni:
- il V20 fa suonare meglio anche le ProAc D15, rispetto ad amplificatori "contemporanei" (quelli che ho potuto provare ovviamente).
- Nel mio ambiente sorprendenti le "piccole" 350b poste su tavolini Lack Ikea. Suonano grandi.
- Ciò che mi colpisce dei Grundig è il timbro e l'equilibrio tonale. Una rieducazione all'ascolto.
- Il full (o quasi) Grundig può tranquillamente convivere con l'impianto "hifi", diventando in breve tempo da secondo a primo impianto.
- Il V20 non ha timidezze nel pilotare le ProAc, anzi è il primo ampli che prova a smussarne la tendenza "audiofila", rendendole più "corrette" rispetto a quanto espresso con amplificatori attuali (Densen e/o valvolari).
- La Quattro Stagioni di Vivaldi (Fonè) suonano da grande orchestra più con le 350b che con le ProAc (che, a parziale discolpa, forse avrebbero necessità di più watt e/o corrente. Ma a quale prezzo?)
- Scene, palcoscenici, tutto bandito. Minchiate.

P.S.1: Machine head dei Deep Purple, che sto ascoltando mentre scrivo, è veramente bello (e il V20 non si scompone a riprodurlo ad alto volume con le ProAc).
P.S. : ma se uno prenota un ascolto presso un negozio hifi e si porta il V20............sai che ridere. Però magari il commesso di fronte a soli 20 watt si spaventerebbe. Quando comprai le ProAc dissi al commesso che a casa avevo il Densen B100 (60W/8 ohm). Chiesi di ascoltarle con quello; lo avevano li su un ripiano. Mi disse di no perché 60 Watt erano pochi e non si fidava, temeva per le casse............"
Emmanuele

Rispondi