Retroazione

Nozioni tecniche applicate in campo audio
Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1117
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Retroazione

Messaggio: # 5435Messaggio M.Ambrosini
lun 7 gen 2019, 16:28

Filippo ha scritto:
lun 7 gen 2019, 14:58
Allora la morale tecnica è che effettivamente si possono avere amplificazioni senza o con ridotta retroazione che suonano molto bene, giusto?
Per qualcuno è giusto per altri no.
Massimo

Filippo
Messaggi: 539
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Retroazione

Messaggio: # 5436Messaggio Filippo
lun 7 gen 2019, 16:49

M.Ambrosini ha scritto:
lun 7 gen 2019, 16:28
Filippo ha scritto:
lun 7 gen 2019, 14:58
Allora la morale tecnica è che effettivamente si possono avere amplificazioni senza o con ridotta retroazione che suonano molto bene, giusto?
Per qualcuno è giusto per altri no.
Questo si era capito Massimo....
L'amplificatore Olson vintage, in base a quel vecchio articolo, dimostrerebbe che è possibile (magari difficile, ma possibile).
Non penso sia una cosa semplice riprodurre un'orchestra senza che il pubblico noti differenza tra l'orchestra dal vivo e quella riprodotta.
Quindi merito a quell'impianto in toto. Vorrei vedere al giorno d'oggi quanti impianti riuscirebbero ad ottenere un risultato analogo.
Viva il vintage.

Gianfranco
Messaggi: 65
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Cesano Maderno

Re: Retroazione

Messaggio: # 5437Messaggio Gianfranco
lun 7 gen 2019, 17:01

Ad un vecchio Top Audio ho assistito ad una dimostrazione di Pierre Bolduc che mirava a replicare il suono di una singola batteria registrata dal vivo e riprodotta da tre ProAc pilotate da tre Bryston, tutto top di gamma... Il confronto diretto era impietoso... 'gna' faceva... Resto perplesso di fronte alla presunta indistinguibilità di una intera orchestra...
Gianfranco

Filippo
Messaggi: 539
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Retroazione

Messaggio: # 5438Messaggio Filippo
lun 7 gen 2019, 17:44

Gianfranco ha scritto:
lun 7 gen 2019, 17:01
Ad un vecchio Top Audio ho assistito ad una dimostrazione di Pierre Bolduc che mirava a replicare il suono di una singola batteria registrata dal vivo e riprodotta da tre ProAc pilotate da tre Bryston, tutto top di gamma... Il confronto diretto era impietoso... 'gna' faceva... Resto perplesso di fronte alla presunta indistinguibilità di una intera orchestra...
Certo, in verità anch'io faccio fatica a crederlo....
Ci vorrebbe più di una prova in direzione pro assenza controreazione/musicalità.
Però ci sarebbero anche dozzine di testimoni, come si diceva sempre in quell'articolo.....

PS: vuoi vedere che l'orchestra continuava a suonare quando dicevano che invece era in atto la riproduzione amplificata?? :D

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 590
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Retroazione

Messaggio: # 5449Messaggio myfisite
lun 7 gen 2019, 20:29

Qui ho trovato le misure dell'Olson dall'articolo originale:

http://ayumi.cava.jp/library/olson.pdf
Marco A.

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 590
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Retroazione

Messaggio: # 5451Messaggio myfisite
lun 7 gen 2019, 20:39

Filippo ha scritto:
lun 7 gen 2019, 16:49
M.Ambrosini ha scritto:
lun 7 gen 2019, 16:28

Per qualcuno è giusto per altri no.
Questo si era capito Massimo....
Quello che non ho ben chiaro è quali potrebbero essere i vantaggi teorici delle amplificazioni zero feedback.
Marco A.

grunf
Messaggi: 18
Iscritto il: ven 27 apr 2018, 19:41

Re: Retroazione

Messaggio: # 5491Messaggio grunf
mer 9 gen 2019, 16:07

myfisite ha scritto:
lun 7 gen 2019, 20:29
Qui ho trovato le misure dell'Olson dall'articolo originale:

http://ayumi.cava.jp/library/olson.pdf
Grazie, molto interessante. Bellissimi i coassiali RCA!

emulatore
Messaggi: 341
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Retroazione

Messaggio: # 5493Messaggio emulatore
mer 9 gen 2019, 16:56

Emblematica la risposta in frequenza con il condotto di accordo chiuso.
Guadagna non poco in estensione.
Emmanuele

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1117
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Retroazione

Messaggio: # 5497Messaggio M.Ambrosini
mer 9 gen 2019, 19:02

grunf ha scritto:
mer 9 gen 2019, 16:07
myfisite ha scritto:
lun 7 gen 2019, 20:29
Qui ho trovato le misure dell'Olson dall'articolo originale:

http://ayumi.cava.jp/library/olson.pdf
Grazie, molto interessante. Bellissimi i coassiali RCA!
Concordo, sufficienti 100dB per riprodurre un'orchestra...andrebbe fatto leggere ad alcuni discotecari che hanno interpretato l'alta fedeltà come una sorta di prova di resistenza delle pareti della stanza (e dei timpani).... :twisted:
Non mi è chiaro (ho letto velocemente per cui potrebbe essermi sfuggito) se i dodici altoparlanti posti sul palco per simulare l'orchestra erano amplificati con 12 amplificatori (da 5W) o da un singolo ampli con diffusori connessi in serie-parallelo. Comunque una cosa interessante che Olson si è "scordato" di dire sul RCA 515S2 di cui si parla in fondo all'articolo, è che ne è stato lo sviluppatore . Un modello di altoparlante (il primo americano?) in doppio concentrico:
rca.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Massimo

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 590
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Retroazione

Messaggio: # 5498Messaggio myfisite
mer 9 gen 2019, 23:19

M.Ambrosini ha scritto:
mer 9 gen 2019, 19:02
Non mi è chiaro (ho letto velocemente per cui potrebbe essermi sfuggito) se i dodici altoparlanti posti sul palco per simulare l'orchestra erano amplificati con 12 amplificatori (da 5W) o da un singolo ampli con diffusori connessi in serie-parallelo.
Nell'articolo non è menzionato questo aspetto ma viene sottolineato che i livelli di riproduzione sonora vennero controllati ed adattati nelle varie zone della sala. Perciò tendo a pensare che i dodici altoparlanti fossero pilotati con diversi amplificatori il cui volume venne regolato individualmente in modo da ottenere il giusto adattamento sonoro nelle varie zone della sala.

Altro punto che ho trovato interessante è dove indica che il nostro orecchio è massimamente sensibile alle distorsioni a pressioni sonore comprese tra 70 e 80 dB. Quindi chi alza maggiormente il volume (e magari crede in questo modo di valutare meglio le distorsioni) si ritrova ad ascoltare in una zona dove il nostro orecchio è meno sensibile alla distorsione.

Infine, per tornare al discorso sulla retroazione, leggo nell'articolo il parere di Olson/Morgan: dal punto di vista prestazionale c'è probabilmente poca differenza tra un amplificatore a triodi (senza retroazione) e un amplificatore a pentodi retroazionato (se correttamente progettato). È stato preferito dagli autori realizzare un amplificatore a triodi senza retroazione per un discorso di semplicità costruttiva e numero di componenti impiegati.
Marco A.

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1117
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Retroazione

Messaggio: # 5501Messaggio M.Ambrosini
gio 10 gen 2019, 7:14

myfisite ha scritto:
mer 9 gen 2019, 23:19

Infine, per tornare al discorso sulla retroazione, leggo nell'articolo il parere di Olson/Morgan: dal punto di vista prestazionale c'è probabilmente poca differenza tra un amplificatore a triodi (senza retroazione) e un amplificatore a pentodi retroazionato (se correttamente progettato). È stato preferito dagli autori realizzare un amplificatore a triodi senza retroazione per un discorso di semplicità costruttiva e numero di componenti impiegati.
Non si è tenuto conto della soluzione stadio finale a triodi + retroazione (ovvero tipo Leak tl12.1 che utilizzava tetrodi connessi a triodo)...probabilmente perchè avrebbe comportato prestazioni così eccellenti per l'epoca da non essere ritenute necessarie a fronte del maggior costo realizzativo. Del resto si era a 5 anni dalla fine del conflitto mondiale e la parola "costi" gravava nelle decisioni in modo molto più pesante di quanto non accada ora. Oltre a ciò immagino che la compensazione sugli amplificatori retroazionati fosse un argomento ancora piuttosto spinoso da digerire (di sicuro la cosa più complessa da calcolare nell'ambito del progetto di un amplificazione) e quindi se la si poteva evitare tanto meglio.
Massimo

Rispondi