26 individui

Dove fare quattro chiacchiere al di la dell'audio - Off-topic
Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

26 individui

Messaggio: # 5888Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 9:55

Francamente leggere certe notizie è sconcertante:
"A dieci anni dall’inizio della crisi finanziaria i miliardari sono più ricchi che mai e la ricchezza è sempre più concentrata in poche mani. L’anno scorso soltanto 26 individui possedevano la ricchezza di 3,8 miliardi di persone, la metà più povera della popolazione mondiale. Nel 2017 queste fortune erano concentrate nelle mani di 46 individui e nel 2016 nelle tasche di 61 miliardari."
Marco A.

Gianfranco
Messaggi: 358
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Cesano Maderno

Re: 26 individui

Messaggio: # 5889Messaggio Gianfranco
ven 25 gen 2019, 10:53

Facessero almeno i filantropi alla Bill Gates...
Gianfranco

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 652
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: 26 individui

Messaggio: # 5890Messaggio emulatore
ven 25 gen 2019, 11:13

.........e pensare che c'è chi ancora crede che l'uomo possa risolvere i problemi del mondo.

Questi soggetti ucciderebbero la propria madre ed i propri figli pur di avere sempre di più in senso materiale.

Mi viene il vomito quando leggo certe cose!!!!!
Emmanuele

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5892Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 11:44

Gianfranco ha scritto:
ven 25 gen 2019, 10:53
Facessero almeno i filantropi alla Bill Gates...
Filantropia è semplicemente maschera per i nuovi modelli di business.
Marco A.

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5893Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 11:54

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 11:44
Gianfranco ha scritto:
ven 25 gen 2019, 10:53
Facessero almeno i filantropi alla Bill Gates...
Filantropia è semplicemente maschera per i nuovi modelli di business.
È assolutamente vero.
Tuttavia, alcuni nuovi modelli di business traggono le proprie basi da strategie di marketing (dunque, nulla di "buonista") ma portano a risultati positivi per tutti, oltreché naturalmente per le aziende o i settori che li perseguono.
Tra tutti, gli schemi di business basati sulla sostenibilità, quelli che tengono in grande considerazione l'approccio con gli stakeholder e a volte anche le loro condizioni.
Ovviamente, non si parla di mercato etico: il mercato è lo stesso che con i propri fallimenti porta a queste folli disuguaglianze; tuttavia è una strada che qualche piccolo miglioramento può portarlo, e lo sta portando: l'impresa, tutt'altro che etica, sceglie però di rapportarsi ad un segmento costituito da consumatori che hanno invece uno spiccato senso etico, e dunque ciò implica che essa debba soddisfare anche questo bisogno del loro acquirente, ovvero quello del rispetto dell'ambiente, e persone coinvolte nella produzione dei beni che acquista.

Riassumendo: se proseguirà la rincorsa a questi nuovi modelli di business "etici", all'interno dell'attuale sistema di mercato (fallimentare dal punto di vista dell'equità), potremo comunque trarne tutti dei benefici, umani ed ambientali. Diciamo, un piccolo spiraglio di luce in un tunnel decisamente buio.
Alessio

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 652
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: 26 individui

Messaggio: # 5894Messaggio emulatore
ven 25 gen 2019, 12:08

(fallimentare dal punto di vista dell'equità)
Equità....ben detto.
Quasi tutti confondono l'equità con l'uguaglianza e questo è l'errore più grande che si possa fare.
Emmanuele

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5895Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 12:12

fantabaffo ha scritto:
ven 25 gen 2019, 11:54

Riassumendo: se proseguirà la rincorsa a questi nuovi modelli di business "etici", all'interno dell'attuale sistema di mercato (fallimentare dal punto di vista dell'equità), potremo comunque trarne tutti dei benefici, umani ed ambientali. Diciamo, un piccolo spiraglio di luce in un tunnel decisamente buio.
Sarà un mio limite ma non vedo alcuna rincorsa a nuovi modelli di business "etici".
Marco A.

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 652
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: 26 individui

Messaggio: # 5896Messaggio emulatore
ven 25 gen 2019, 12:33

Quando con la parola business ci si riferisce al capitalismo (differente, molto differente dalla parola commercio) l'etica semplicemente non può esistere.

E' un fattore matematico.
Emmanuele

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5897Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 12:34

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:12
Sarà un mio limite ma non vedo alcuna rincorsa a nuovi modelli di business "etici".
Ti cito uno degli esempi più eclatanti (e forse inflazionati), il codice etico Illy; fa parte di una politica di business naturalmente, e cerca (in modo ovviamente favorevole anche all'azienda) di sopperire alla mancanza di un disciplinare serio a cui accreditarsi, e che certifichi un serio strumento di controllo sull'applicazione dei piani proposti; ma anche in questo ambito ci sono passi avanti, dal momento che si sta incrementando il numero di aziende che formalizza un proprio codice etico, come parte integrante del proprio piano di business.

Non è la salvezza dell'umanità, sia chiaro: ma è una risposta al consumatore che non si fida acquistare (in questo caso) il caffè della marca della Conad, e può finalmente contare su un abbozzo di autocertificazione sul fatto che l'azienda spende energie nel cercare di impattare il meno possibile sull'ambiente e di controllare quanto meglio possibile le condizioni di lavoro di tutte le persone che operano nel filone produttivo.
Alessio

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5898Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 12:35

emulatore ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:33
Quando con la parola business ci si riferisce al capitalismo (differente, molto differente dalla parola commercio) l'etica semplicemente non può esistere.

E' un fattore matematico.
Il fattore matematico non dice proprio questo. ;)
Sul fatto che il capitalismo però abbia dei limiti intrinseci che devono essere superati, mi trovi completamente d'accordo.
Alessio

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 652
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: 26 individui

Messaggio: # 5900Messaggio emulatore
ven 25 gen 2019, 13:40

fantabaffo ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:35
emulatore ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:33
Quando con la parola business ci si riferisce al capitalismo (differente, molto differente dalla parola commercio) l'etica semplicemente non può esistere.

E' un fattore matematico.
Il fattore matematico non dice proprio questo. ;)
Sul fatto che il capitalismo però abbia dei limiti intrinseci che devono essere superati, mi trovi completamente d'accordo.
Alessio, il limite è il capitalismo stesso e lo scopo per cui è nato.
Ben diverso dal "semplice" commercio, non può e non avrà mai alcun tipo di rapporto con nessun tipo di etica, le due cose non possono coesistere in alcun modo.
Emmanuele

Gianfranco
Messaggi: 358
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Cesano Maderno

Re: 26 individui

Messaggio: # 5902Messaggio Gianfranco
ven 25 gen 2019, 13:54

Il capitalismo si potrebbe ricondurre sul binario del sano commercio se TUTTI facessimo attenzione quando andiamo a fare la spesa... il potere ultimo lo ha chi i soldi li spende. Utopistico lo so.
Gianfranco

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5903Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 14:30

fantabaffo ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:34
myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:12
Sarà un mio limite ma non vedo alcuna rincorsa a nuovi modelli di business "etici".
Ti cito uno degli esempi più eclatanti (e forse inflazionati), il codice etico Illy;

Uh, sì, anche la multinazionale in cui lavoro ha un codice simile e lo vedo appeso in tutti gli uffici. Però non hanno avuto alcuna esitazione a licenziare colleghi, tagliare benefit, ridurre stipendi. Perdonami ma non credo a queste cose e, viste le posizioni politiche che il sig. Illy ha ribadito anche in occasione del referendum, non compro più Illy.
Marco A.

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5904Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 14:36

emulatore ha scritto:
ven 25 gen 2019, 13:40
Alessio, il limite è il capitalismo stesso e lo scopo per cui è nato.
Ben diverso dal "semplice" commercio, non può e non avrà mai alcun tipo di rapporto con nessun tipo di etica, le due cose non possono coesistere in alcun modo.
Mi sembra un discorso molto "qualunquista", messo giù così.
Parlare di "scopo con cui è nato" il capitalismo, è quantomeno riduttivo, visto che il capitalismo è un sistema che si è evoluto nel capo di svariati decenni, e che a seconda dei paesi o delle zone del mondo è stato modificato nel funzionamento, ed affiancato da politiche di stato, più o meno votate alla tutela della persona, e con alterni risultati purtroppo.

Il sistema capitalistico è un sistema complesso, ridurlo ad un sillogismo non è un approccio che può portare alla comprensione o alla "cooperazione" ai fini del miglioramento.

Gianfranco ha capito le mie parole: per farla ancor più semplice di prima, il mercato (capitalistico eh...) si muove a seconda di dove va il consumatore.
Ovvio che le aziende che detengono grande potere economico possano spendere ingenti cifre per "direzionare" parzialmente le scelte dei cittadini, ma non dobbiamo mai scordare di FARCI CARICO DELLA NOSTRA PARTE DI RESPONSABILITÀ.
Insomma, il miglioramento è possibile e dipende da noi: se acquisto il caffè da 1,50€ prodotto non si sa dove in Africa, sfruttando la manovalanza ed i territori, senza pormi troppe domande, ma accanto sullo scaffale ne esiste uno da 2€ che offre un protocollo di disciplina sulla filiera produttiva, non posso fare finta di nulla e dire che il mercato fa schifo. La realtà è che STO ALIMENTANDO CHI NON SI CURA DELLE CONDIZIONI UMANE ED AMBIENTALI DEL PROPRIO SISTEMA PRODUTTIVO, ed è solo e solamente colpa mia, dal momento che l'alternativa esiste.

Questo è il concetto. La perfezione non esiste, ma esiste la volontà di partecipare ad un processo di miglioramento: se non la si mette in pratica laddove si può, c'è poco poi di cui lamentarsi.

PS Marco, scusami, ho contribuito a far deragliare la discussione dall'argomento iniziale, tra l'altro di grande interesse. :roll:
Alessio

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5905Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 14:43

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 14:30
Uh, sì, anche la multinazionale in cui lavoro ha un codice simile e lo vedo appeso in tutti gli uffici. Però non hanno avuto alcuna esitazione a licenziare colleghi, tagliare benefit, ridurre stipendi. Perdonami ma non credo a queste cose e, viste le posizioni politiche che il sig. Illy ha ribadito anche in occasione del referendum, non compro più Illy.
Pienamente d'accordo: Illy è un singolo esempio, ma il significato di fondo è che nel sistema mercato, ad oggi, inizia ad acquisire un valore anche il rispetto di alcuni dettami che fino a poco tempo fa esistevano fisiologicamente solo nella piccola attività radicata nel territorio, ma non esistevano per ciò che riguarda i prodotti globali. Ovvio che (come dappertutto) c'è chi se ne approfitta, ma si tratta di una strada che porta una briciola di benessere anche dove ce n'è poco, e che soprattutto si alimenta e si alimenterà proporzionalmente a quanta sarà la quota di consumatori del primo mondo che dedicheranno tempo e forze a fare acquisti consapevoli e rispettosi.
Alessio

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5906Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 15:22

fantabaffo ha scritto:
ven 25 gen 2019, 14:36
per farla ancor più semplice di prima, il mercato (capitalistico eh...) si muove a seconda di dove va il consumatore.
Sarò una mosca bianca ma ritengo che "il mercato" non sia un'entità impersonale: sono una manciata di banche e di finanziarie. La politica ha il compito e il dovere di governare il mercato (imponendo regole di scambio quando necessario) altrimenti viene meno al mandato nei confronti dei suoi cittadini. Che il consumatore sia ampiamente diretto dai condizionamenti imposti è esperienza di tutti i giorni. Questo è il motivo per cui la politica deve (dovrebbe) fare la sua parte.
Marco A.

Gianfranco
Messaggi: 358
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Cesano Maderno

Re: 26 individui

Messaggio: # 5907Messaggio Gianfranco
ven 25 gen 2019, 15:34

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 15:22
Sarò una mosca bianca ma ritengo che "il mercato" non sia un'entità impersonale: sono una manciata di banche e di finanziarie. La politica ha il compito e il dovere di governare il mercato (imponendo regole di scambio quando necessario) altrimenti viene meno al mandato nei confronti dei suoi cittadini. Che il consumatore sia ampiamente diretto dai condizionamenti imposti è esperienza di tutti i giorni. Questo è il motivo per cui la politica deve (dovrebbe) fare la sua parte.
Non la fa il comune cittadino la sua parte e avrebbe tutto da guadagnare... figuriamoci il politico che invece viene continuamente foraggiato per permettere che le cose continuino in questo modo.
Visto che sui politici non possiamo contare possiamo prendere coscienza e fare il nostro. Se un prodotto non riesco a vendertelo hai voglia a corrompere il politico... dovrebbero impormelo per legge (e spesso lo hanno fatto!).
Gianfranco

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5909Messaggio fantabaffo
ven 25 gen 2019, 16:16

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 15:22
Sarò una mosca bianca ma ritengo che "il mercato" non sia un'entità impersonale: sono una manciata di banche e di finanziarie. La politica ha il compito e il dovere di governare il mercato (imponendo regole di scambio quando necessario) altrimenti viene meno al mandato nei confronti dei suoi cittadini.
Siamo totalmente d'accordo.
myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 15:22
Che il consumatore sia ampiamente diretto dai condizionamenti imposti è esperienza di tutti i giorni. Questo è il motivo per cui la politica deve (dovrebbe) fare la sua parte.
Certo: ma perché il cittadino non è invece tenuto a fare la sua parte? I condizionamenti esistono (l'ho scritto anche 3 post sopra), ma il buon cittadino deve anche essere operoso, e fare ciò che è nel suo potere per non lasciarsi condizionare; ed anche fare ciò che è in suo potere per dirigere, con le sue scelte ATTENTE ED OCULATE, l'andamento del mercato. Dare sempre la colpa alle brutte multinazionali ed ai collusi politicanti non ci porta da nessuna parte...

PS. non temere, non sei affatto una mosca bianca: quasi sempre quando parlo con qualcuno di questi temi hanno opinioni molto più simili alle tue, che alle mie...
Alessio

Gianfranco
Messaggi: 358
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Cesano Maderno

Re: 26 individui

Messaggio: # 5910Messaggio Gianfranco
ven 25 gen 2019, 16:32

Primo scenario: la marca X fa cucire i palloni ai bambini in Vietnam. La marca X prospera e domani apre un'altra fabbrica in Cambogia dove altri bambini cuciranno palloni.

Secondo scenario: la marca X fa cucire i palloni ai bambini in Vietnam. La marca X non vende più un pallone. La marca X adotta politiche eque, giuste e manda i bambini vietnamiti a scuola. La marca X torna a vendere i palloni.

A me sembra semplice, utopistico ma efficace.
Gianfranco

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5911Messaggio myfisite
ven 25 gen 2019, 19:32

emulatore ha scritto:
ven 25 gen 2019, 12:33
Quando con la parola business ci si riferisce al capitalismo (differente, molto differente dalla parola commercio) l'etica semplicemente non può esistere.

E' un fattore matematico.
Al di là del giudizio di merito sul capitalismo, sul ruolo della politica, delle multinazionali e dei consumatori (che, per quanto mi riguarda, non è un discorso che affronto in un forum) quello che vorrei porre in rilievo è che, a un certo punto della storia, qualcosa nel capitalismo si è gravemente guastato. Ripropongo il grafico già postato lo scorso anno perché mi pare disarmante.

Immagine
Marco A.

andreamilano
Messaggi: 458
Iscritto il: gio 15 feb 2018, 22:16
Località: Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5915Messaggio andreamilano
ven 25 gen 2019, 22:34

emulatore ha scritto:
ven 25 gen 2019, 11:13
.........e pensare che c'è chi ancora crede che l'uomo possa risolvere i problemi del mondo.
Da credente, lo penso sempre anch'io.
Andrea Loberto

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5921Messaggio fantabaffo
sab 26 gen 2019, 11:28

myfisite ha scritto:
ven 25 gen 2019, 19:32
Al di là del giudizio di merito sul capitalismo, sul ruolo della politica, delle multinazionali e dei consumatori (che, per quanto mi riguarda, non è un discorso che affronto in un forum) quello che vorrei porre in rilievo è che, a un certo punto della storia, qualcosa nel capitalismo si è gravemente guastato. Ripropongo il grafico già postato lo scorso anno perché mi pare disarmante.

Immagine
Non ricordo da dove viene il grafico: ce lo puoi linkare?
Comunque, la prima cosa che salta all'occhio da quel grafico è l'introduzione della tecnologia nel sistema produttivo: si è aggiunto un costo, divenuto via via sempre più rilevante, e quel costo ha portato un beneficio per la produttività.
In altre parole, il salario non è aumentato ANCHE perché ora divide la quota costi con il capitale.
Caso esemplificativo è Amazon, dove il lavoro svolto dai dipendenti è pochissimo a fronte di quello svolto dall'apparato tecnologico: di pari passo, il costo investito nella forza lavoro è ridotto, preferendo investire in capitale.

Io, per tornare agli esempi, acquisto a cuor leggero Illy (poco per la verità, perché il prodotto non mi piace molto, ma è un altro discorso), che a mio avviso offre un sistema di rispetto per l'ambiente e l'uomo superiore alla media; non acquisto invece su Amazon, perché non rispecchia affatto quello che a mio avviso può portare ad un miglioramento della qualità di vita futura.
Alessio

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5926Messaggio myfisite
sab 26 gen 2019, 14:43

fantabaffo ha scritto:
sab 26 gen 2019, 11:28
Comunque, la prima cosa che salta all'occhio da quel grafico è l'introduzione della tecnologia nel sistema produttivo
No, mi spiace, non c'entra nulla. È dai tempi dell'invenzione del vapore che vengono introdotte nuove tecnologie nel sistema produttivo.
Marco A.

Avatar utente
fantabaffo
Site Admin
Messaggi: 775
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: 26 individui

Messaggio: # 5927Messaggio fantabaffo
sab 26 gen 2019, 15:06

In effetti quel grafico, se corretto (fonte?) prevede una discrepanza in crescita a partire dal 1920 ed un nuovo salto da metà anni '70 (crisi del Kippur?).
Se attendibile, mostrerebbe un andamento anomalo a partire dagli anni '80, il che rimane in parte spiegabile se si pensa al rapporto domanda-offerta del mercato del lavoro successivamente agli anni '60.
Vuoi darci la tua chiave di lettura? Oltre alla fonte del grafico ;)
Alessio

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 857
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: 26 individui

Messaggio: # 5936Messaggio myfisite
sab 26 gen 2019, 19:42

fantabaffo ha scritto:
sab 26 gen 2019, 15:06
In effetti quel grafico, se corretto (fonte?)
Probabilmente si vede poco, in basso è scritto Jason Ricciuti-Borenstein e basta una ricerca per vedere che questo grafico è ampiamente citato nella letteratura. Apro a caso uno dei link e trovo anche il dettaglio delle fonti:
http://www.alternateroutes.ca/index.php ... 4420/12904
fantabaffo ha scritto:
sab 26 gen 2019, 15:06
Vuoi darci la tua chiave di lettura?
No grazie, vi lascio volentieri proseguire nella discussione. L'ho già scritto prima che non entro nel merito. :)
Marco A.

Rispondi