Sull'editoriale "Il giorno della memoria"

Dove fare quattro chiacchiere al di la dell'audio - Off-topic
Rispondi
Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Sull'editoriale "Il giorno della memoria"

Messaggio: # 10912Messaggio fantabaffo
lun 3 feb 2020, 11:43

Arrivo con ritardo a scrivere questo breve post, che avrei voluto inviare già il 27 Gennaio, ma a volte la frenesia ed i mille impegni mi fanno scivolare via molte cose, anche cose importanti.
Ma eccomi qui.

Ci tengo a portare un ringraziamento a Massimo per questo bell'editoriale, pulito e dal messaggio semplice ma quanto mai forte ed attuale.

Riporto qui il finale dell'editoriale, che condivido in ogni singola parola e che rispecchia perfettamente anche il mio punto di vista: ho solo riportato in grassetto la parte che meglio riassume a mio avviso tutto il senso del messaggio:

Il vivere le differenze come un timore anziché come una ricchezza che va scoperta con curiosità, ha sempre comportato sia in ambito religioso che razziale (ma aggiungerei anche altri ambiti) esiti devastanti.
Sogno un giorno in cui le persone vengano giudicate per la loro attitudine all’onestà, laboriosità e rispetto per gli altri e non per la loro razza, colore della pelle o religione.
Sarebbe un grande grande giorno.


Un pensiero che è bello riproporre in una ricorrenza importante come il Giorno della Memoria, ma che dovrebbe accompagnarci ogni giorno.
Alessio

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Sull'editoriale "Il giorno della memoria"

Messaggio: # 10915Messaggio M.Ambrosini
lun 3 feb 2020, 18:21

fantabaffo ha scritto:
lun 3 feb 2020, 11:43
Arrivo con ritardo a scrivere questo breve post, che avrei voluto inviare già il 27 Gennaio, ma a volte la frenesia ed i mille impegni mi fanno scivolare via molte cose, anche cose importanti.
Ma eccomi qui.

Ci tengo a portare un ringraziamento a Massimo per questo bell'editoriale, pulito e dal messaggio semplice ma quanto mai forte ed attuale.

Riporto qui il finale dell'editoriale, che condivido in ogni singola parola e che rispecchia perfettamente anche il mio punto di vista: ho solo riportato in grassetto la parte che meglio riassume a mio avviso tutto il senso del messaggio:

Il vivere le differenze come un timore anziché come una ricchezza che va scoperta con curiosità, ha sempre comportato sia in ambito religioso che razziale (ma aggiungerei anche altri ambiti) esiti devastanti.
Sogno un giorno in cui le persone vengano giudicate per la loro attitudine all’onestà, laboriosità e rispetto per gli altri e non per la loro razza, colore della pelle o religione.
Sarebbe un grande grande giorno.


Un pensiero che è bello riproporre in una ricorrenza importante come il Giorno della Memoria, ma che dovrebbe accompagnarci ogni giorno.
Ti ringrazio e ne approfitto per segnalare un altro giorno della memoria che è passato molto più in sordina...
https://m.famigliacristiana.it/articolo ... GLJXsfTV1c
I nativi americani erano scomodi in quanto erano di impedimento alla corsa all'oro e alla libera conquista dei terreni. Forse la civiltà che più di ogni altra aveva trovato equilibrio con la natura nel suo modo di vivere, è stata spazzata via come si spazza il pattume solo perchè l'uomo (quando ne ha la possibilità) applica sempre la legge del più forte.
Ma queste morti...egualmente infami... passano appunto molto più sottaciute dal momento che a perpetrarle c'è stata la "civiltà" americana...
Massimo

Rispondi