Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Dove fare quattro chiacchiere al di la dell'audio - Off-topic
Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10625Messaggio M.Ambrosini
sab 28 dic 2019, 8:03

Nei links ne ho aggiuto uno ad una pagina che riporta gli undici princìpi di propaganda di Goebbels...una lettura che consiglio a TUTTI.
https://hifiaudio.altervista.org/links/
Massimo

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10582Messaggio fantabaffo
sab 28 dic 2019, 9:36

Premesso che quei punti illustrano in modo credibile delle regole propagandistiche che verosimilmente sono state in gran parte rispettate sia dalla Germania nazista, sia in tante altre occasioni:
posso sapere in base a quale fonte attribuisci la stesura di quegli 11 principi a Goebbels?
Alessio

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 1101
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10583Messaggio myfisite
sab 28 dic 2019, 11:20

fantabaffo ha scritto:
sab 28 dic 2019, 9:36
posso sapere in base a quale fonte attribuisci la stesura di quegli 11 principi a Goebbels?
Penso che ogni apporto debba essere costruttivo per cui non capisco il senso di una domanda posta in questo modo. Non sarebbe stato meglio postare direttamente i link alle discussioni inerenti? Che l'elenco sia apocrifo e non strettamente attribuibile a Goebbels (probabilmente ispirato ai princìpi propagandistici di Edward Bernays) a questo punto mi pare di secondaria importanza visto che gira da anni indicato in questo modo. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole ma non mi pare che una considerazione puntuale sulla corretta attribuzione possa inficiare il senso del contenuto. I link mettili tu se vuoi. Grazie.
Marco A.

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10584Messaggio fantabaffo
sab 28 dic 2019, 12:01

myfisite ha scritto:
sab 28 dic 2019, 11:20
Penso che ogni apporto debba essere costruttivo per cui non capisco il senso di una domanda posta in questo modo. Non sarebbe stato meglio postare direttamente i link alle discussioni inerenti?
Non ho idea di come avrei potuto scrivere altrimenti questa domanda.
Inoltre, l'eventuale link sarebbe potuto solamente essere quello che rimandi al testo di Goebbels, che io non sono stato mai in grado di trovare: altrimenti, non avrei chiesto.
In merito alle tue altre considerazioni, ti rimando alla parte iniziale del mio intervento.

Provo comunque a riformulare la domanda, sperando di risultare meno sgradito:
Vi è una evidenza in base alla quale attribuisci a Goebbels la stesura di questi 11 principi?
Alessio

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10589Messaggio M.Ambrosini
sab 28 dic 2019, 18:50

fantabaffo ha scritto:
sab 28 dic 2019, 12:01
myfisite ha scritto:
sab 28 dic 2019, 11:20
Penso che ogni apporto debba essere costruttivo per cui non capisco il senso di una domanda posta in questo modo. Non sarebbe stato meglio postare direttamente i link alle discussioni inerenti?
Non ho idea di come avrei potuto scrivere altrimenti questa domanda.
Inoltre, l'eventuale link sarebbe potuto solamente essere quello che rimandi al testo di Goebbels, che io non sono stato mai in grado di trovare: altrimenti, non avrei chiesto.
In merito alle tue altre considerazioni, ti rimando alla parte iniziale del mio intervento.

Provo comunque a riformulare la domanda, sperando di risultare meno sgradito:
Vi è una evidenza in base alla quale attribuisci a Goebbels la stesura di questi 11 principi?
Forse non hai notato che ha già risposto Marco alla tua domanda: "Che l'elenco sia apocrifo e non strettamente attribuibile a Goebbels (probabilmente ispirato ai princìpi propagandistici di Edward Bernays) a questo punto mi pare di secondaria importanza visto che gira da anni indicato in questo modo. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole ma non mi pare che una considerazione puntuale sulla corretta attribuzione possa inficiare il senso del contenuto"

Risposta che mi trova perfettamente concorde. Se poi ti interessa approfondire l'argomento "paternità" puoi cercare Goebbels’ Principles of Propaganda di Leonard W. Doob
Massimo

Avatar utente
Gianfranco
Messaggi: 762
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 15:10
Località: Realtà a bassa intensità

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10590Messaggio Gianfranco
sab 28 dic 2019, 18:56

Siete palesemente OT...
Gianfranco

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10594Messaggio fantabaffo
sab 28 dic 2019, 19:14

M.Ambrosini ha scritto:
sab 28 dic 2019, 18:50
fantabaffo ha scritto:
sab 28 dic 2019, 12:01
myfisite ha scritto:
sab 28 dic 2019, 11:20
Penso che ogni apporto debba essere costruttivo per cui non capisco il senso di una domanda posta in questo modo. Non sarebbe stato meglio postare direttamente i link alle discussioni inerenti?
Non ho idea di come avrei potuto scrivere altrimenti questa domanda.
Inoltre, l'eventuale link sarebbe potuto solamente essere quello che rimandi al testo di Goebbels, che io non sono stato mai in grado di trovare: altrimenti, non avrei chiesto.
In merito alle tue altre considerazioni, ti rimando alla parte iniziale del mio intervento.

Provo comunque a riformulare la domanda, sperando di risultare meno sgradito:
Vi è una evidenza in base alla quale attribuisci a Goebbels la stesura di questi 11 principi?
Forse non hai notato che ha già risposto Marco alla tua domanda: "Che l'elenco sia apocrifo e non strettamente attribuibile a Goebbels (probabilmente ispirato ai princìpi propagandistici di Edward Bernays) a questo punto mi pare di secondaria importanza visto che gira da anni indicato in questo modo. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole ma non mi pare che una considerazione puntuale sulla corretta attribuzione possa inficiare il senso del contenuto"

Risposta che mi trova perfettamente concorde. Se poi ti interessa approfondire l'argomento "paternità" puoi cercare Goebbels’ Principles of Propaganda di Leonard W. Doob
Ok.
Forse non hai notato che ho già risposto alla sua risposta.
Ultima modifica di fantabaffo il sab 28 dic 2019, 19:22, modificato 1 volta in totale.
Alessio

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10595Messaggio fantabaffo
sab 28 dic 2019, 19:17

Gianfranco ha scritto:
sab 28 dic 2019, 18:56
Siete palesemente OT...
Nemmeno troppo, visto che ho chiesto in merito ad una tematica citata in questo post.
L'unico modo per non essere almeno in parte OT sarebbe stato non rispondere affatto, visto che il post non fa altro che presentare alcuni articoli del sito. ;)
Alessio

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10618Messaggio M.Ambrosini
dom 29 dic 2019, 9:25

Beh...ad onor del vero questo è uno di quei casi in cui può essere interessante anche fermarsi ad osservare il "pelo" anche se apparentemente porta lontano dal "palo"...perchè sembra che proprio questa attribuzione a Goebbels sia la perfetta sintesi di uno dei principi citati: "ripeti all'infinito una bugia e questa diventa verità" !
A tal proposito è interessante leggere questo articolo: http://www.robertosedda.it/?p=14713
Sembra che alcuni di questi principi fossero citati nel Mein kampf di Hitler ma essendo la forma che crea l’effetto comunicativo, se anche quel testo dicesse delle cose condivisibili, non lo sarebbe più dopo aver letto chi ne è l'autore.
Un pazzo come Hitler non si poteva citare...
Dalla lettura del testo dello storico Leonard W. Doob tali principi sono ben 19 (dedotti dallo stesso storico dalla lettura dei diari di Goebbels) e talvolta ben diversi dai suddetti 11.
E' interessante osservare in tale articolo che l'attribuzione a Goebbels (del testo degli 11 principi) è stata utilizzata anche in tesi universitarie ispaniche... :D

A ma la domanda che sorge spontanea è: quanto sappiamo effettivamente di VERO da ciò che ci giunge dal passato e quanto invece di opportunamente manipolato?...e quanto la rete risulta pesantemente influente nella divulgazione delle fake?

"Una bugia fa in tempo a compiere mezzo giro del mondo prima che la verità riesca a mettersi i pantaloni" diceva W.Churchill....forse ora con la rete e con la sua spiccata propensione a divulgare le notizie d'effetto anzichè le notizie vere, forse riesce a compiere anche il giro completo del globo...e talvolta se esce la verità (o quanto di più simile ad essa) è frutto (come in questo caso) di un illustre sconosciuto che si è rimboccato le maniche per fare ricerche in merito...

Quanto sopra va inteso sempre senza perdere di vista il "palo"...ovvero i principi di propaganda che vengono ad oggi sistematicamente utilizzati per determinare la "credibilità" di una persona, di un partito politico o di un prodotto in commercio. E' triste doverlo ammettere ma la validità effettiva di fatti e persone non vale NULLA...ciò che ha valenza è il come si riescano a presentare...
Massimo

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10619Messaggio fantabaffo
dom 29 dic 2019, 13:45

M.Ambrosini ha scritto:
dom 29 dic 2019, 9:25
Quanto sopra va inteso sempre senza perdere di vista il "palo"...ovvero i principi di propaganda che vengono ad oggi sistematicamente utilizzati per determinare la "credibilità" di una persona, di un partito politico o di un prodotto in commercio. E' triste doverlo ammettere ma la validità effettiva di fatti e persone non vale NULLA...ciò che ha valenza è il come si riescano a presentare...
Parto dal fondo: è difficilmente contestabile che la natura di una cosa sia per noi ciò che noi percepiamo di essa (questione filosofica secolare). Ne deriva anche a livello logico il fatto che agire sulla percezione che abbiamo di una cosa equivale ad agire (per noi che la percepiamo) sulla natura stessa della cosa: essa è rimasta immutata, ma per chi la percepisce risulta modificata.
Le considerazioni di carattere generale sono senz'altro molte e spesso molto dibattute; mi soffermerei però su una, che ritengo importantissima per cercare di essere per quanto possibile refrattari alla "propaganda" (in senso lato).
Cosa possiamo fare a tal fine? Ritengo, ad esempio, che la consapevolezza sia lo strumento da utilizzare, e che per acquisirla in modo corretto sia necessario del lavoro e del metodo: fortunatamente, il nostro mondo che da una parte ci condiziona con grande facilità, dall'altra ci offre tanti strumenti per poter costruirsi una propria consapevolezza: sicuramente non perfetta, ma certamente significativa. Tali strumenti iniziano con l'accesso allo studio ed alla preparazione e terminano con la grandissima disponibilità di informazioni (che la preparazione aiuta a selezionare e scremare).

Sto divagando, torniamo a noi. La domanda che mi viene automatico pormi per approfondire un po' questa tematica è la seguente: se Goebbels, Hitler, il Ministero della Propaganda nazista, nonostante la grande diffusione di notizie inerenti i sistemi di propaganda, non hanno ritenuto di stilare un elenco, e se quest'elenco è stato stilato ( o quantomeno rivisto ed attribuito) successivamente... la mia domanda è perché? A che fine? Ovviamente la domanda successiva è "quanto questo elenco ci riassume correttamente, quanto ci presenta con errori e quanto omette dei principi fondamentali usati dal Ministero della Propaganda nazista?"
Poi verrebbe la parte inerente il quanto siano ancora attuali e quanto (e dove) invece al giorno doggi quei principi sono stati rivisti nei programmi di chi fa uso di propaganda...

Sono un po'' OT, ma in tutta sincerità non mi sembrano argomentazioni così irrilevanti o faziose.
Ringrazio Massimo per averci dato questo spunto... e per aver capito che la mia non era una provocazione.
Alessio

Filippo
Messaggi: 2016
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10621Messaggio Filippo
dom 29 dic 2019, 14:39

Perché l'elenco sia stato stilato dopo penso sia presto detto..... Meglio non far capire i principi della comunicazione durante la loro utilizzazione per la manipolazione delle masse. Sarebbe stato come dire loro "guardate che vi sto ingannando e facendo il lavaggio del cervello con questi stratagemmi".....
Penso di non dire nulla di particolare affermando che molti se non tutti quei principi siano ancora correntemente utilizzati..... Saranno intervenute anche delle novità, ma per entrare nel dettaglio ci vorrebbero esperti di comunicazione.

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10622Messaggio fantabaffo
dom 29 dic 2019, 16:46

Filippo ha scritto:
dom 29 dic 2019, 14:39
Perché l'elenco sia stato stilato dopo penso sia presto detto..... Meglio non far capire i principi della comunicazione durante la loro utilizzazione per la manipolazione delle masse. Sarebbe stato come dire loro "guardate che vi sto ingannando e facendo il lavaggio del cervello con questi stratagemmi".....
Penso di non dire nulla di particolare affermando che molti se non tutti quei principi siano ancora correntemente utilizzati..... Saranno intervenute anche delle novità, ma per entrare nel dettaglio ci vorrebbero esperti di comunicazione.
Per punti:
  • - La domanda che ho posto non chiede il perché di una differenza temporale, ma il motivo per cui qualcuno si sia preso la briga di stendere questo elenco
  • - Ad ogni modo, la tua considerazione non mi vede d'accordo, in quanto: 1- la propaganda nazista spesso rendeva pubblici i principi da usare per perseguire le finalità propagandistiche; 2- l'elenco, così com'è, non ha certo finalità di diffusione, quanto semmai operativa: Goebbels, qualora lo avesse stilato, non lo avrebbe probabilmente reso pubblico, bensì tenuto all'interno dei propri diari, o in qualche altro documento, per definire le modalità operative da assumere in merito alle varie questioni di cui si occupava.
  • - Volendo comunque cercare un motivo per il quale l'elenco non sia stato redatto da qualche gerarca nazista, il più probabile sta nel fatto che... non ce n'era alcun bisogno: esisteva un apposito ministero, ed inoltre Goebbels era uno studioso che approfondiva ed integrava le proprie conoscenze quasi quotidianamente e padroneggiava la materia in modo esteso: non esisteva bisogno di elenchi operativi.
Alessio

Filippo
Messaggi: 2016
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10641Messaggio Filippo
mar 31 dic 2019, 11:06

fantabaffo ha scritto:
dom 29 dic 2019, 16:46
  • - La domanda che ho posto non chiede il perché di una differenza temporale, ma il motivo per cui qualcuno si sia preso la briga di stendere questo elenco
Quella della comunicazione, della propanda, della manipolazione delle menti è una vera è propria scienza, e come tale penso sia normale formalizzarla con un elenco di principi......

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10648Messaggio M.Ambrosini
mar 31 dic 2019, 19:11

Mi si perdoni il pensierino di fine anno.
Sono dell'opinione che l'audiofilo medio sia AD OGGI profondamente condizionato nei confronti di ciò che ritiene oggetti "intoccabili" (sempre contrapposti ai "miti"...le due facce della medaglia del fideismo) NON MENO di quanto lo fu la Germania nazista nei confronti degli ebrei. Per fortuna in questo settore si tratta di un condizionamento che non fomenta odi razziali ma che si limita a stupidi snobismi con relativo innalzamento di muri...(spessi muri comunque).
E' assolutamente IMPENSABILE per l'audiofilo odierno, che un sintoamplificatore progettato quarant'anni fa e che si trova ad un tozzo di pane possa andar meglio di oggetti odierni da decine (e decine...) di migliaia di euro, per cui nessuno (ed eccezione di quattro gatti) neppure per sogno pensa di provarlo. Nessuno del resto ha interesse a far conoscere verità che farebbero perdere costose vendite.

L'esoterismo crea miti (e DEVE costruirli per vendere) collocandoli su altari che non sembrano neppure appartenere a questo pianeta. Saranno marziani? Non faranno pure loro parte del genere umano con errori, limiti, annessi e connessi?

Il fideismo trova sempre terreno fertile nell'ignoranza e spesso sfocia in episodi di violenza (verbale o fisica a seconda dei settori) e a giudicare dalla crescita esponenziale del primo anche in questo settore (non si contano le "certezze" di cui vive e si nutre l'appassionato "eso") non è difficile dedurre su quale sentiero si stia avanzando...

Al di la di questa parentesi, penso che in generale sia meglio non scordare che "chi non ricorda la storia è costretto a riviverla"...un aspetto (vedi gruppi neonazisti) che mi preoccupa non poco.
Massimo

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 1101
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10651Messaggio myfisite
mer 1 gen 2020, 16:49

M.Ambrosini ha scritto:
mar 31 dic 2019, 19:11
Il fideismo trova sempre terreno fertile nell'ignoranza
Le teorie naziste che predicavano lo spazio vitale, l'eugenetica e il genocidio non si basarono sull'ignoranza ma sull'applicazione radicale della scienza che fu propagandata a quei tempi: biologia razziale, antropologia razziale, medicina, psicologia, psichiatria. Ancor oggi la propaganda fa abbondante leva sull'argomento scientificità (ma sarebbe meglio dire "pseudoscientificità") per orientare le opinioni della gente su scelte che invece sono meramente politiche o di controllo sociale.

"Il Nazionalsocialismo non è altro che biologia applicata" (Rudolf Hess, 1934)
Marco A.

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10654Messaggio M.Ambrosini
mer 1 gen 2020, 19:02

myfisite ha scritto:
mer 1 gen 2020, 16:49
M.Ambrosini ha scritto:
mar 31 dic 2019, 19:11
Il fideismo trova sempre terreno fertile nell'ignoranza
Le teorie naziste che predicavano lo spazio vitale, l'eugenetica e il genocidio non si basarono sull'ignoranza ma sull'applicazione radicale della scienza che fu propagandata a quei tempi: biologia razziale, antropologia razziale, medicina, psicologia, psichiatria. Ancor oggi la propaganda fa abbondante leva sull'argomento scientificità (ma sarebbe meglio dire "pseudoscientificità") per orientare le opinioni della gente su scelte che invece sono meramente politiche o di controllo sociale.

"Il Nazionalsocialismo non è altro che biologia applicata" (Rudolf Hess, 1934)
La "pseudoscientificità": quanta ne respirano gli eso-audiofili oggi :roll:
Ovvero la concettualizzazione di vantaggi tecnici che sono tali solo sulla carta ma....che determinano le scelte di una buona parte di appassionati.
Massimo

Filippo
Messaggi: 2016
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10665Messaggio Filippo
ven 3 gen 2020, 10:35

myfisite ha scritto:
mer 1 gen 2020, 16:49
M.Ambrosini ha scritto:
mar 31 dic 2019, 19:11
Il fideismo trova sempre terreno fertile nell'ignoranza
Le teorie naziste che predicavano lo spazio vitale, l'eugenetica e il genocidio non si basarono sull'ignoranza ma sull'applicazione radicale della scienza che fu propagandata a quei tempi: biologia razziale, antropologia razziale, medicina, psicologia, psichiatria. Ancor oggi la propaganda fa abbondante leva sull'argomento scientificità (ma sarebbe meglio dire "pseudoscientificità") per orientare le opinioni della gente su scelte che invece sono meramente politiche o di controllo sociale.

"Il Nazionalsocialismo non è altro che biologia applicata" (Rudolf Hess, 1934)
è una forma di ignoranza più evoluta, ma sempre ignoranza è....... :)
si cerca di accreditare l'ignoranza tramite l'applicazione strampalata di conoscenze scientifiche....

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10675Messaggio fantabaffo
ven 3 gen 2020, 16:52

M.Ambrosini ha scritto:
mar 31 dic 2019, 19:11
Mi si perdoni il pensierino di fine anno.
Sono dell'opinione che l'audiofilo medio sia AD OGGI profondamente condizionato nei confronti di ciò che ritiene oggetti "intoccabili" (sempre contrapposti ai "miti"...le due facce della medaglia del fideismo) NON MENO di quanto lo fu la Germania nazista nei confronti degli ebrei. Per fortuna in questo settore si tratta di un condizionamento che non fomenta odi razziali ma che si limita a stupidi snobismi con relativo innalzamento di muri...(spessi muri comunque).
E' assolutamente IMPENSABILE per l'audiofilo odierno, che un sintoamplificatore progettato quarant'anni fa e che si trova ad un tozzo di pane possa andar meglio di oggetti odierni da decine (e decine...) di migliaia di euro, per cui nessuno (ed eccezione di quattro gatti) neppure per sogno pensa di provarlo. Nessuno del resto ha interesse a far conoscere verità che farebbero perdere costose vendite.

L'esoterismo crea miti (e DEVE costruirli per vendere) collocandoli su altari che non sembrano neppure appartenere a questo pianeta. Saranno marziani? Non faranno pure loro parte del genere umano con errori, limiti, annessi e connessi?

Il fideismo trova sempre terreno fertile nell'ignoranza e spesso sfocia in episodi di violenza (verbale o fisica a seconda dei settori) e a giudicare dalla crescita esponenziale del primo anche in questo settore (non si contano le "certezze" di cui vive e si nutre l'appassionato "eso") non è difficile dedurre su quale sentiero si stia avanzando...

Al di la di questa parentesi, penso che in generale sia meglio non scordare che "chi non ricorda la storia è costretto a riviverla"...un aspetto (vedi gruppi neonazisti) che mi preoccupa non poco.
Va sempre detto che le aziende presenti sul mercato, a quanto pare, non sono in grado di andare oltre a quel livello di qualità audio che offrono, e dunque cercano di dare tutto il valore aggiunto di cui sono in grado; poi, come sempre accade (e come devo aver già scritto, se non ricordo male, in altra discussione: continuo a ripetermi, sarà l'età :lol: ) è purtroppo naturale che tra chi lavora bene si inserisca anche chi ne approfitta. Tuttavia, nel nostro mondo dove l'informazione è A PORTATA DI MANO ed è sufficiente fare uno sforzo per accedervi nel modo corretto, l'acquirente se vuole ha gli strumenti (almeno in parte) per evitare le peggiori sole.

Parliamo di approccio e di condizionamenti, ma è evidente che il nostro sparuto ambito d'interesse è creato da una rosa (tutt'altro che esigua, oltretutto) di aziende sul mercato, e l'acquirente appassionato non può fare altro che scegliere tra i prodotti presenti.
In questa rosa di aziende, l'unica voce realmente fuori dal coro per ciò che riguarda la qualità di riproduzione DI FATTO NON ESISTE: l'approccio CCI non è offerto da nessuna azienda (e dunque non è proposto tramite alcun canale commerciale, non offre tutele normative) e non presenta al potenziale acquirente alcun approccio tecnico tangibile: certo, concordo sul fatto che il risultato c'è, ma se si vuole parlare di offerta sul mercato ci vuole qualcosa di più per crearsi la necessaria autorevolezza, e dunque una garanzia per l'acquirente.

In queste condizioni, sostenere che "l'esoterismo crea miti" è abbastanza difficile da condividere: semmai sono gli stessi acquirenti che creano i miti, scegliendoli tra ciò che il mercato offre loro.
Alessio

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10676Messaggio fantabaffo
ven 3 gen 2020, 16:56

myfisite ha scritto:
mer 1 gen 2020, 16:49
Le teorie naziste che predicavano lo spazio vitale, l'eugenetica e il genocidio non si basarono sull'ignoranza ma sull'applicazione radicale della scienza che fu propagandata a quei tempi: biologia razziale, antropologia razziale, medicina, psicologia, psichiatria. Ancor oggi la propaganda fa abbondante leva sull'argomento scientificità (ma sarebbe meglio dire "pseudoscientificità") per orientare le opinioni della gente su scelte che invece sono meramente politiche o di controllo sociale.

"Il Nazionalsocialismo non è altro che biologia applicata" (Rudolf Hess, 1934)
Un altro spunto davvero interessante... Sicuramente è utile contestualizzare lo specifico approccio scientifico all'interno del periodo in cui è originato; non solo per il grado di evoluzione della ricerca scientifica, ma soprattutto per il fattore culturale di riferimento.
Tuttavia è chiaro che anche la scienza si presta a manipolazioni e può finire suo malgrado a prestare il fianco a teorie terribili.
Alessio

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10678Messaggio M.Ambrosini
ven 3 gen 2020, 17:41

Come al solito abbiamo una visione che è quasi agli antipodi...
Tuttavia, nel nostro mondo dove l'informazione è A PORTATA DI MANO ed è sufficiente fare uno sforzo per accedervi nel modo corretto, l'acquirente se vuole ha gli strumenti (almeno in parte) per evitare le peggiori sole.
Non è un problema di informazioni a portata di mano ma della scelta che ne viene fatta in base alle proprie convinzioni...la gente non fa "sforzi"...nel 99% dei casi cerca la strada in discesa, quella che è generalmente più frequentata...poi magari ci spende dietro il denaro di uno o due anni di lavoro...
Parliamo di approccio e di condizionamenti, ma è evidente che il nostro sparuto ambito d'interesse è creato da una rosa (tutt'altro che esigua, oltretutto) di aziende sul mercato, e l'acquirente appassionato non può fare altro che scegliere tra i prodotti presenti.In questa rosa di aziende, l'unica voce realmente fuori dal coro per ciò che riguarda la qualità di riproduzione DI FATTO NON ESISTE: l'approccio CCI non è offerto da nessuna azienda (e dunque non è proposto tramite alcun canale commerciale, non offre tutele normative) e non presenta al potenziale acquirente alcun approccio tecnico tangibile
Di nuovo non concordo: esiste il vintage e in questo ambito esistono anche prodotti CCI (Grundig) che, come scrivevo sopra, si trovano al prezzo di un tozzo di pane ma sembra abbiano la peste a giudicare dalla distanza a cui l'esoterico medio si tiene pur di non provarli...
In queste condizioni, sostenere che "l'esoterismo crea miti" è abbastanza difficile da condividere: semmai sono gli stessi acquirenti che creano i miti, scegliendoli tra ciò che il mercato offre loro.
L'esoterismo è fatto di persone...è ovvio che le persone creino i miti ma lo fanno sempre in base a regole ampiamente prevedibili (ed infatti i miti crescono come i funghi nell'esoterico...), regole che sono state loro inculcate da anni e anni di adeguata "educazione" (che personalmente preferisco chiamare col suo nome, ovvero condizionamento).
Massimo

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10679Messaggio fantabaffo
ven 3 gen 2020, 17:59

M.Ambrosini ha scritto:
ven 3 gen 2020, 17:41
Non è un problema di informazioni a portata di mano ma della scelta che ne viene fatta in base alle proprie convinzioni...la gente non fa "sforzi"...nel 99% dei casi cerca la strada in discesa, quella che è generalmente più frequentata...poi magari ci spende dietro il denaro di uno o due anni di lavoro...
Beh su questo concordo: tante persone non fanno il minimo sforzo per approfondire, capire, conoscere; spesso però hanno molta energia per difendere le proprie convinzioni.
M.Ambrosini ha scritto:
ven 3 gen 2020, 17:41
Di nuovo non concordo: esiste il vintage e in questo ambito esistono anche prodotti CCI (Grundig) che, come scrivevo sopra, si trovano al prezzo di un tozzo di pane ma sembra abbiano la peste a giudicare dalla distanza a cui l'esoterico medio si tiene pur di non provarli...
Sul vintage... certo, ad alcuni può anche andare giù, ma non è il mercato: sarebbe come paragonare un'auto d'epoca ad un'automobile nuova.
M.Ambrosini ha scritto:
ven 3 gen 2020, 17:41
L'esoterismo è fatto di persone...è ovvio che le persone creino i miti ma lo fanno sempre in base a regole ampiamente prevedibili (ed infatti i miti crescono come i funghi nell'esoterico...), regole che sono state loro inculcate da anni e anni di adeguata "educazione" (che personalmente preferisco chiamare col suo nome: condizionamento).
Ecco, su questo non siamo molto d'accordo: o meglio, sono perfettamente conscio della potenza dei condizionamenti (mi appassionano fin dal tempo del liceo, non ci crederai); tuttavia, torno a rigirarne la colpa su chi li subisce senza minimamente usare gli strumenti che oggi, vivaddìo, esistono e sono a disposizione di tutti, col fine di creardi un'idea indipendente, motivata e radicata nel profondo, anziché godere del sottile fascino dell'etereo.
Siamo volubili ma abbiamo il cervello e l'accesso alla conoscenza: dare la colpa a chi ci condiziona ci sgrava semplicemente da una fatica.

Secondo me, dopotutto, la pensi in modo abbastanza simile a me...
Alessio

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 2054
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10680Messaggio M.Ambrosini
ven 3 gen 2020, 19:04

fantabaffo ha scritto:
ven 3 gen 2020, 17:59

Sul vintage... certo, ad alcuni può anche andare giù, ma non è il mercato: sarebbe come paragonare un'auto d'epoca ad un'automobile nuova.
Ecco...proprio questo è il paragone che normalmente l'appassionato fa per liquidare il passato...peccato che sia uno dei paragoni più errati che sia possibile porre in essere.
Se parliamo di prestazioni strumentali si (in parte) , oggi esistono amplificatori da 2000Watt dediti all'alta fedeltà che non esistevano negli anni 70, in tema di distorsioni misurabili non mi sembra ci siano stati miglioramenti significativi, sicuramente l'elettronica è ora maggiormente integrata permettendo in un singolo chip ciò che negli anni 70 si riusciva a fare con l'utilizzo di diversi circuiti integrati ma è un miglioramento in termini di compattamento e riduzione dei consumi di cui beneficiano principalmente telefonini e pc.
Tutto questo con la SONORITA' c'entra qualcosa??
La risposta la conosci benissimo anche tu.
Siamo volubili ma abbiamo il cervello e l'accesso alla conoscenza: dare la colpa a chi ci condiziona ci sgrava semplicemente da una fatica.
E' lo stesso Goebbels che ti contraddice...se fosse come tu dici il condizionamento non esisterebbe
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 774
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10759Messaggio emulatore
lun 13 gen 2020, 10:09

M.Ambrosini ha scritto:
ven 3 gen 2020, 19:04
E' lo stesso Goebbels che ti contraddice...se fosse come tu dici il condizionamento non esisterebbe
STRA concordo!!!!!
Emmanuele

Avatar utente
fantabaffo
Messaggi: 988
Iscritto il: gio 8 feb 2018, 18:24
Località: Verona

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10765Messaggio fantabaffo
mar 14 gen 2020, 17:18

emulatore ha scritto:
lun 13 gen 2020, 10:09
M.Ambrosini ha scritto:
ven 3 gen 2020, 19:04
E' lo stesso Goebbels che ti contraddice...se fosse come tu dici il condizionamento non esisterebbe
STRA concordo!!!!!
Ragazzi, dai, proviamo a ragionarci un attimo e ad andare un po' oltre.

Questa considerazione non ha senso: quando mai ho negato l'esistenza del condizionamento? Chi la negherebbe? Stiamo parlando proprio di quello...
Il concetto cerca, naturalmente, di essere un po' più profondo (sebbene pur sempre superficiale, non sono un esperto in materia)
Cerco di rappresentare questa stessa idea da un altro punto di vista.

Da un punto di vista MACROSCOPICO, la parte dominante del gioco la fa chi può agire su grandi quantità di persone e mettere in atto accorgimenti propagandistici che producano condizionamenti finalizzati al più semplice raggiungimento dei propri obiettivi.
Tuttavia, chi usa la propaganda svolge una azione in larga scala, su masse di persone; ma il soggetto che la riceve è un sistema MICROSCOPICO composto da singoli individui, e noi siamo proprio questi singoli individui.
Letta dal nostro punto di vista, dunque, non possiamo esimerci dalla responsabilità di mettere in atto ciò che è in nostro potere per non farci condizionare da sistemi costruiti "ad hoc", ma bensì per ottenere una consapevolezza tale da svincolarci il più possibile da questi condizionamenti. Viviamo (vivaddìo) in uno stato di diritto, dunque l'accesso all'informazione ci è garantito, dove ancora abbiamo tutti gli strumenti per attingere alle fonti che dovrebbero costruire la nostra consapevolezza: se non lo facciamo, non possiamo dar la colpa "a loro".

Si potrebbe anche provare a proseguire con questo ragionamento, per arrivare (ad esempio) ad identificare la scolarizzazione e la cultura come una grande arma da contrapporre alle propagande: ecco che il MICRO ricomincia a trasformarsi in MACRO. In altre parole, quanto più saremo in grado di crescere individui con una buona conoscenza di base, capaci di attingere correttamente a delle fonti, di selezionare ed elaborare informazioni, di creare visioni articolate degli argomenti, tanto più avremo creato una società refrattaria ai tentativi di condizionamento.

Noi siamo individui, e la nostra arma è la CONSAPEVOLEZZA.
Alessio

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 1101
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Gli undici princìpi di propaganda di Goebbels

Messaggio: # 10766Messaggio myfisite
mar 14 gen 2020, 22:03

fantabaffo ha scritto:
mar 14 gen 2020, 17:18

Si potrebbe anche provare a proseguire con questo ragionamento, per arrivare (ad esempio) ad identificare la scolarizzazione e la cultura come una grande arma da contrapporre alle propagande
La vedo proprio al contrario: mai come oggi la scolarizzazione è fortemente asservita alla propaganda e forma menti predisposte al condizionamento.
Marco A.

Rispondi