Cosa manca all'UE?

Dove fare quattro chiacchiere al di la dell'audio - Off-topic
Rispondi
Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 861
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Cosa manca all'UE?

Messaggio: # 3249Messaggio myfisite
mar 17 lug 2018, 17:11

In tanti discorsi su euro e unione europea mi accorgo che manca talvolta una prospettiva di riferimento. La UE potrebbe funzionare bene e nell'intenzione dei padri fondatori, o almeno di molti di essi, avrebbe dovuto esprimere uno spazio solidale dal punto di vista sociale ed economico. In realtà le cose non vanno bene e molti faticano a capire perché visto che hanno davanti agli occhi l'esempio degli Stati Uniti: una unione riuscita di stati differenti sotto la stessa moneta che "funziona bene". Al che io obietto: "ma certamente: sono una federazione". Il mio interlocutore nella maggior parte dei casi mi guarda sconcertato e leggo nei suoi occhi un inespresso "e quindi?". Allora io chiarisco il concetto: "hanno i trasferimenti fiscali". Ma vedo che si fatica a comprenderne le implicazioni. Poco tempo fa ho trovato questa tabella che mi pare veramente esemplificativa della differenza tra gli USA che fanno ampio utilizzo dei trasferimenti fiscali tra stato e stato e la UE dove le cose vanno piuttosto diversamente. Sulla scala verticale si legge il PIL pro capite del paese di riferimento rispetto alla media USA oppure UE. Detto in soldoni, gli stati in alto (sopra alla riga del 100%) sono ricchi, quelli in basso sono poveri. Per rimanere in UE: l'Olanda e la Germania sono ricche (140% rispetto alla media UE) mentre la Romania e la Bulgaria sono povere (20% rispetto alla media UE). Negli USA vediamo che New York e Massachussets sono ricchi (135% rispetto alla media USA) mentre il Mississippi è povero (60% rispetto alla media USA). La disposizione orizzontale mostra invece i trasferimenti netti in percentuale del PIL. Quindi troveremo sulla sinistra (rispetto alla linea verticale dello 0%) gli stati contribuenti netti, sulla destra ci sono gli stati che ricevono i soldi. Vediamo allora che Romania e Bulgaria ricevono dall'UE contributi pari solo al 5% del loro PIL mentre in USA il Mississippi riceve il 20% del proprio PIL dagli altri stati. Il risultato è che nel grafico, gli USA si dispongono in orizzontale perché più omogenei mentre in UE la disposizione è fortemente verticale. Si vede la differenza?

Immagine
Marco A.

Rispondi