Pannello frontale diffusori (i)

Aspetti generali - Audio concepts and general technical topics
Rispondi
Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 359Messaggio M.Ambrosini
mer 7 mar 2018, 18:37

Sono sempre stato un sostenitore della superiorità dei sistemi in sospensione pneumatica rispetto a sistemi aperti così come lo sono da molti anni (il mio sito on-line dal 2000 può testimoniarlo) per quanto riguarda la superiorità della non specularità della disposizione degli altoparlanti in sistemi che non siano dotati di asse di simmetria. Su questi due aspetti sono stato un precursore addossandomi sfottò di vario genere da persone ritenute più o meno competenti in merito che seguivano (e talvolta seguono tutt’ora) la “fiumana” di moda. A distanza di anni il numero di persone alla ricerca di diffusori in cassa chiusa e di sistemi non speculari è nettamente aumentato…forse qualcosa di vero nelle mie parole quindi c’era.
L’argomento “pannello frontale” è altrettanto scomodo rispetto ai due sopra citati, lo è perché al pari di questi il “fiume” di progettisti odierni è pressoché tutto orientato verso la massima riduzione delle dimensioni del pannello frontale. Questo avviene principalmente per il supposto vantaggio di cercare di far sparire di più il diffusore dal momento che, soprattutto con sistemi reflex, questo viene collocato distanziato dalla parete di fondo ma questo è solo UNO degli aspetti che riguardano il pannello frontale e NON il più importante.
Il pannello frontale incide su:
1) Riflessioni nella stanza
2) Coesione tra gli altoparlanti
3) Impedenza di radiazione
4) Diffrazione sui bordi del pannello stesso
Il vantaggio addotto dalla riduzione del pannello frontale implica solo il primo di questi quattro punti…e gli altri?

Se cerchiamo un’emissione “d’effetto” possiamo disseminare altoparlanti ad una certa distanza tra loro e posti su pannelli separati…il risultato sarà un suono molto arioso ma privo di coerenza timbrica in quanto non c’è coesione su un supporto comune (appunto il pannello) che contribuisca a “fondere” tra loro l’emissione dei singoli altoparlanti. Quando non c’è un pannello comune gli altoparlanti risultano cioè acusticamente più “slegati” tra loro non riuscendo (o riuscendovi solo in parte) a dare l’impressione di un insieme coeso, questo è dovuto in gran parte ma non solo alla variazione dell'impedenza di radiazione: un altoparlante che debba coprire la gamma media da, supponiamo 600 a 5000Hz e si trova ad essere montato su un pannello di appena 10cm di larghezza verrà a cambiare la sua impedenza di radiazione al passaggio da angolo solido 2π steradianti a 4π steradianti in corrispondenza della λ/2 ovvero 344/10/2=1720Hz...ovvero da 1720Hz in giù (in piena gamma media) subirà un’attenuazione di 3dB a fronte del pannello ristretto generando quindi una irregolarità di risposta in una zona molto critica, irregolarità che essendo ben al di fuori delle frequenze di crossover non può essere adeguatamente corretta. Chi sa fare il proprio mestiere in questo ambito determina la larghezza del pannello e la collocazione degli altoparlanti in modo da far coincidere la zona di cambio impedenza di radiazione con la frequenza di incrocio o leggermente spostata in proprio favore per compensare piccole defaillance degli altoparlanti impiegati. Per farvi un esempio pratico: SL1000, pannello di 16cm, crossover a 1600Hz…344/16/2= 1075Hz…ovvero i +3dB di rinforzo sul tweeter partono leggermente prima dell’incrocio compensando la leggera defaillance della parte alta dei wf impiegati in D’appolito.
Per quanto riguarda l’aspetto diffrazione sul bordo è sufficiente un bordo arrotondato per diminuire drasticamente questo aspetto oppure un ottimo espediente è quello dell’impiego di “trombette” (come quelle impiegate sulle box Grundig professional) o di quadrati sagomati di feltro o altro materiale assorbente (come quelli impiegati sulle Rogers LS3/5a o sulle IMF super compact II) che assolvono proprio al compito di trattare l’onda emessa sul nascere a filo pannello (quindi a distanza paragonabile alla lunghezza d’onda minore) per rendere queste più direttive evitando per quanto possibile la diffrazione sui bordi del pannello frontale.
Come ultimo aspetto vorrei prendere in considerazione il primo, ovvero la presenza fisica a fronte delle riflessioni nella stanza che nelle premesse sembrava l’unico vantaggio del pannello a dimensioni ridotte. Ebbene questo vantaggio viene totalmente a scomparire se il diffusore è progettato per essere posto a ridosso della parete di fondo. Ovvio che in tal caso la parete andrà acusticamente trattata con tendaggi pesanti o simili ma a fronte di un trattamento acustico corretto questa sarebbe la soluzione più prossima all’ideale in una stanza di ascolto reale.
_________________
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2697Messaggio emulatore
lun 25 giu 2018, 12:23

Che mi dici invece dei diffusori che hanno il pannello frontale inclinato verso l'alto?
Emmanuele

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2711Messaggio M.Ambrosini
mar 26 giu 2018, 6:39

emulatore ha scritto:
lun 25 giu 2018, 12:23
Che mi dici invece dei diffusori che hanno il pannello frontale inclinato verso l'alto?
Mi fai un esempio di ciò che intendi per "inclinato verso l'alto"?
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2714Messaggio emulatore
mar 26 giu 2018, 7:59

Ad esempio il pannello frontale delle Ruark Templar.

http://www.audiocostruzioni.com/r_s/dif ... emplar.htm
Emmanuele

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2716Messaggio M.Ambrosini
mar 26 giu 2018, 8:21

emulatore ha scritto:
mar 26 giu 2018, 7:59
Ad esempio il pannello frontale delle Ruark Templar.

http://www.audiocostruzioni.com/r_s/dif ... emplar.htm
Il pannello inclinato all'indietro ("verso l'alto" poteva essere interpretato in modo molto diverso) è una soluzione "sbrigativa" per cercare di ottenere l'allineamento dell'emissione dei trasduttori, la applicò a tal fine anche Giussani sulle vecchie Audiolab Delta 3. Per quanto mi riguarda in generale è una soluzione che non apprezzo in quanto all'ascolto non è indolore: puoi provare ad inclinare all'indietro qualunque box ti ritrovi in casa ed il risultato che otterrai sarà sempre un suono che sembra più aperto se ascoltato in modo superficiale, ma in realtà viene ad essere più appiattito perdendo spessore timbrico.
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2718Messaggio emulatore
mar 26 giu 2018, 8:39

M.Ambrosini ha scritto:
mar 26 giu 2018, 8:21
emulatore ha scritto:
mar 26 giu 2018, 7:59
Ad esempio il pannello frontale delle Ruark Templar.

http://www.audiocostruzioni.com/r_s/dif ... emplar.htm
Il pannello inclinato all'indietro ("verso l'alto" poteva essere interpretato in modo molto diverso) è una soluzione "sbrigativa" per cercare di ottenere l'allineamento dell'emissione dei trasduttori, la applicò a tal fine anche Giussani sulle vecchie Audiolab Delta 3. Per quanto mi riguarda in generale è una soluzione che non apprezzo in quanto all'ascolto non è indolore: puoi provare ad inclinare all'indietro qualunque box ti ritrovi in casa ed il risultato che otterrai sarà sempre un suono che sembra più aperto se ascoltato in modo superficiale, ma in realtà viene ad essere più appiattito perdendo spessore timbrico.
C'è un minimo di inclinazione "tollerabile" oppure è sempre deleterio come espediente?
Ad esempio sulle Ruark prese come esempio, nella seconda versione pare che il pannello frontale sia meno inclinato.
C'entra l'altezza del tweeter rispetto all'orecchio?
Chiedo questo perchè ad esempio, mi pare di ricordare che ponendo le box professional su BF3/BF4 vengono a trovarsi leggermente (ma molto leggermente) inclinate all'indietro.
Emmanuele

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2719Messaggio M.Ambrosini
mar 26 giu 2018, 8:48

emulatore ha scritto:
mar 26 giu 2018, 8:39

C'entra l'altezza del tweeter rispetto all'orecchio?
Chiedo questo perchè ad esempio, mi pare di ricordare che ponendo le box professional su BF3/BF4 vengono a trovarsi leggermente (ma molto leggermente) inclinate all'indietro.
Si l'altezza del tweeter rispetto all'orecchio ovviamente c'entra. Se i BF4 non fossero leggermente inclinati ed il punto di ascolto fosse piuttosto vicino al diffusore, ci si troverebbe molto disassati rispetto al tweeter con conseguente riduzione degli altissimi. Per tale ragione la leggera inclinazione di questi piedistalli. Su altri diffusori occorre vedere caso per caso quale può essere il miglior compromesso.
Massimo

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2720Messaggio emulatore
mar 26 giu 2018, 8:53

Esaustivo come sempre.
Grazie!
Emmanuele

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2725Messaggio myfisite
mar 26 giu 2018, 9:31

Tra i diffusori classici, uno degli esempi più famosi sono gli Spica TC 50. La difficoltà di usare un pannello così inclinato è che il progettista deve calcolare accuratamente l'incrocio tra le vie in modo da orientare i lobi di emissione nel modo migliore. Oltre all'allineamento temporale, un altro dei presunti vantaggi sarebbe quello di ridurre le risonanze interne del cabinet.

Immagine
Marco A.

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2743Messaggio emulatore
mar 26 giu 2018, 15:02

myfisite ha scritto:
mar 26 giu 2018, 9:31
Tra i diffusori classici, uno degli esempi più famosi sono gli Spica TC 50. La difficoltà di usare un pannello così inclinato è che il progettista deve calcolare accuratamente l'incrocio tra le vie in modo da orientare i lobi di emissione nel modo migliore. Oltre all'allineamento temporale, un altro dei presunti vantaggi sarebbe quello di ridurre le risonanze interne del cabinet.
Ne esistono diversi di diffusori che adottano tale soluzione ma questi sono decisamente "estremi" data la forte inclinazione all'indietro.
Quanto alle risonanze del mobile come hai detto tu sono "presunte" a meno che non sia fatto di cartone o plastica spessa 1mm.
Quando batti con le nocche sul mobile delle Box professional sembra quasi di battere sul marmo tant'è sordo il rumore generato.
Se a questo aggiungiamo l'abbondante assorbente ed il particolare espediente della tela che tappa i fori del cestello del woofer direi che, nel loro caso, le risonanze diventano davvero l'ultimo dei problemi.
Emmanuele

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2757Messaggio myfisite
mer 27 giu 2018, 9:25

Per completare il discorso con un ulteriore elemento, le onde stazionarie che si creano all'interno del cabinet sono dipendenti dalla presenza di superfici parallele e possono essere limitate dall'uso di materiali assorbenti o anche da setti interni disposti in modo opportuno.
Marco A.

Avatar utente
emulatore
Messaggi: 661
Iscritto il: ven 16 feb 2018, 8:33
Località: Torino

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 2759Messaggio emulatore
mer 27 giu 2018, 10:25

myfisite ha scritto:
mer 27 giu 2018, 9:25
Per completare il discorso con un ulteriore elemento, le onde stazionarie che si creano all'interno del cabinet sono dipendenti dalla presenza di superfici parallele e possono essere limitate dall'uso di materiali assorbenti o anche da setti interni disposti in modo opportuno.
Appunto.
Emmanuele

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8665Messaggio myfisite
mar 20 ago 2019, 20:49

Rileggendo questo post, segnalo che comunemente non viene usato λ/2 per il calcolo del punto a 3dB:

https://trueaudio.com/st_diff1.htm
Marco A.

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8667Messaggio M.Ambrosini
mar 20 ago 2019, 23:01

myfisite ha scritto:
mar 20 ago 2019, 20:49
Rileggendo questo post, segnalo che comunemente non viene usato λ/2 per il calcolo del punto a 3dB:

https://trueaudio.com/st_diff1.htm
L'autore infatti utilizza λ/3 che mediamente può essere più indicato. Dico mediamente in quanto dagli esperimenti svolti e pubblicati da Olson sul famoso "Elements of acustical engineering" la frequenza a -3dB varia molto in funzione del profilo del pannello frontale
Screenshot_3.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Massimo

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8668Messaggio M.Ambrosini
mar 20 ago 2019, 23:02

Screenshot_2.jpg
Screenshot_3.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Massimo

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8676Messaggio myfisite
mer 21 ago 2019, 8:12

Per completezza è da aggiungere che tutte queste misure si riferiscono a un sistema sospeso in camera anecoica. Nei normali ambienti d'ascolto con le loro proprie riflessioni e rinforzi, il guadagno non sarà mai dei 6 dB teorici ma, praticamente, di 3 o 4 dB al massimo.

Interessante anche la nota relativa alla pubblicazione del Wright dove si sottolinea che la diffrazione non è in fase. Quindi la soluzione migliore sarebbe, come già sottolineato nel post di apertura, l'uso del feltro oppure di apposite "trombette" come nei Box Professional.
Marco A.

Filippo
Messaggi: 1014
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8684Messaggio Filippo
gio 22 ago 2019, 17:22

myfisite ha scritto:
mer 21 ago 2019, 8:12
Per completezza è da aggiungere che tutte queste misure si riferiscono a un sistema sospeso in camera anecoica. Nei normali ambienti d'ascolto con le loro proprie riflessioni e rinforzi, il guadagno non sarà mai dei 6 dB teorici ma, praticamente, di 3 o 4 dB al massimo.

Interessante anche la nota relativa alla pubblicazione del Wright dove si sottolinea che la diffrazione non è in fase. Quindi la soluzione migliore sarebbe, come già sottolineato nel post di apertura, l'uso del feltro oppure di apposite "trombette" come nei Box Professional.
Quindi l'applicazione del feltro sarebbe sempre consigliabile.... A giudicare dalle trombette grundig soprattutto vicino al tweeter.
Però in genere Massimo lo applica solo da un lato se non sbaglio, non su tutti e due.....
In poche parole serve per "ripulire" la diffrazione, giusto?
Le griglie e/o le tele non assolverebbero a questa funzione laddove presenti?

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8689Messaggio myfisite
gio 22 ago 2019, 20:25

Filippo ha scritto:
gio 22 ago 2019, 17:22

Le griglie e/o le tele non assolverebbero a questa funzione laddove presenti?
In genere hanno una funzione prevalentemente resistiva.
Marco A.

Filippo
Messaggi: 1014
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8703Messaggio Filippo
dom 25 ago 2019, 21:57

Guardando con colpevole ritardo il post sulle DSL ho avuto la risposta alla domanda che facevo..... Massimo ha aggiornato la disposizione del feltro su tutti e due i lati del tweeter......
Mi domando una cosa, ma se si mette del feltro anche sotto i woofers non è meglio? Si ripulirebbe la diffrazione ancora meglio forse, anche se immagino siano sottigliezze. Ma forse il feltro funziona solo con le vibrazioni generate dal tweeter...... questione di lunghezze d'onda??
Al riguardo vorrei fare una domanda sui miei diffusori..... Mi converrebbe togliere le tele anteriori per applicare il feltro così come visto sulle DSL??
Oppure il feltro potrei metterlo direttamente sulle tele?? Funzionerebbe lo stesso?

Avatar utente
M.Ambrosini
Site Admin
Messaggi: 1651
Iscritto il: ven 9 feb 2018, 7:10
Località: Ravenna
Contatta:

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8704Messaggio M.Ambrosini
lun 26 ago 2019, 9:05

Lascia stare Filippo...ogni progetto fa storia a se.
Massimo

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8705Messaggio myfisite
lun 26 ago 2019, 13:52

Come fa giustamente notare Massimo, ogni progetto ha il suo equilibrio acustico e non è detto che quanto vada bene su uno possa andare ugualmente bene su un altro. Nel caso particolare mi viene da considerare che, oltre al taglio differente, i tuoi tweeter a cono hanno una dispersione considerevolmente differente da quelli a cupola.
Marco A.

Filippo
Messaggi: 1014
Iscritto il: mar 6 mar 2018, 21:49
Località: Salerno

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8706Messaggio Filippo
lun 26 ago 2019, 15:05

myfisite ha scritto:
lun 26 ago 2019, 13:52
Come fa giustamente notare Massimo, ogni progetto ha il suo equilibrio acustico e non è detto che quanto vada bene su uno possa andare ugualmente bene su un altro. Nel caso particolare mi viene da considerare che, oltre al taglio differente, i tuoi tweeter a cono hanno una dispersione considerevolmente differente da quelli a cupola.
certamente, ma ricordo che la trombetta sul tweeter grundig portava, se non sbaglio, ad un'attenuazione anche di un db a determinate frequenze......io dovrei proprio attenuare i tweeters.....per questo chiedevo.

PS: chiaro che la via maestra per ottenere il risultato di attenuazione è rappresentata dalle resistenze.

Avatar utente
myfisite
Site Admin
Messaggi: 876
Iscritto il: sab 10 feb 2018, 15:13
Località: Prov. Milano

Re: Pannello frontale diffusori (i)

Messaggio: # 8709Messaggio myfisite
lun 26 ago 2019, 20:36

Attenuare un tweeter è un discorso diverso. Generalmente lo si fa con una rete resistiva o un trasformatore.
Marco A.

Rispondi